handicap

14 articoli

Progetto Consapevolando

A CURA DI: Dr. Erika Cappello – Pedagogista Clinico. Dr. Simone Minichiello – Logopedista. “Se tratti un uomo quale è, rimarrà cosi come è. Ma se lo tratti come se fosse quello che potrebbe o dovrebbe essere, certamente diverrà ciò che potrebbe o dovrebbe essere” J. Wolfgang Goethe Descrizione: In passato si pensava che i bambini autistici soffrissero per rifiuto di sentimenti e desideri, e si dava loro di conseguenza la possibilità di libera espressione in un quadro non strutturato sperando che potessero trovare una via per liberare le proprie potenzialità inibite. Nulla di più sbagliato: l’esperienza di molti anni ci ha insegnato che in questo modo si produce l’effetto contrario, aumentando. l’angoscia e i problemi comportamentali. Si sa ora che la persona autistica, a causa dei deficit di comunicazione e della “cecità sociale” alla base dei disturbo autistico, ha bisogno di una strutturazione dell’ambiente per rassicurarsi, e che l’ansia […]

Progetto pedagogia A spasso con l’arte

A CURA DI: Dott.ssa Erika Cappello – Pedagogista Clinico   Premessa: Grazie al disegno e alla pittura, ogni individuo può esprimersi e imparare a conoscersi per riuscire poi a migliorare le proprie capacità relazionali. Le attività proposte in “A spasso con l’arte” permettono di arricchire la propria persona e i propri vissuti, sperimentando se stessi all’interno di un foglio bianco che piano piano prende vita, allo scopo di migliore la propria predisposizione al rapporto interpersonale, e la capacità di rappresentare e rappresentarsi. Obiettivi specifici: favorire una migliore capacità organizzativa ed espressivo corporea promuovere la conoscenza di sè per potersi meglio relazionare con l’altro sensibilizzare e stimolare le ricchezze interiori di ciascun soggetto, senza proporre modelli rigidi da copiare acquisire abilità nell’attenzione e nell’autocontrollo vincere o canalizzare le tensioni emotive scoprire le diverse intensità di tatto, di pressione o di esitazione apprendere modi diversi di comunicazione, di adattamento e di crescita Destinatari: Due […]

Progetto pedagogia Ascolta il mio cuore

A CURA DI: Dott.ssa Erika Cappello (Pedagogista Clinico).   Premessa: La persona disabile, si trova spesso a vivere in condizioni tali che non gli permettono di esprimere al meglio le proprie abilità residue, egli vive in un corpo “negato”, poichè spesso nel vissuto soggettivo di costui si può creare la percezione di un corpo svilito, privo di significato, perchè luogo nel quale si concretizza il deficit ( non sapersi muovere, non saper produrre azioni o comportamenti adeguati e intelligenti, non saper concepire e utilizzare emozioni e sentimenti sufficienti a intessere relazioni…). La conseguenza immediata è che una coscienza inadeguata o falsa della propria corporeit&agrave, rende inadeguata o falsifica la comunicazione interpersonale. Se la persona vive il suo essere corpo come il suo essere persona in quanto orientato all’altro, nella comunicazione personale, il corpo diviene profondamente intimamente il linguaggio della persona. Le esperienze corporee che il pedagogista clinico può far vivere […]

Presentazione

L’Associazione nasce il 19 maggio 2008 per volontà di un gruppo di genitori di ragazzi portatori di handicap. Il 19/06/2008 è stata presentata la documentazione per assumere la qualifica di “ONLUS” (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale). E’ regolarmente iscritta all’anagrafe unica delle Onlus dell’Agenzia delle Entrate di Venezia con effetti dal 19 giugno del 2008. L’Articolo 2 dello Statuto contiene le finalità: L’associazione non ha fini di lucro. Essa intende perseguire esclusivamente finalità di solidarietà sociale, e di arrecare benefici a persone svantaggiate in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche e famigliari.  Scopo dell’Associazione è lo svolgimento di attività nel settore della “disabilità”. Per perseguire questo scopo l’Associazione svolge le attività connesse al proprio scopo istituzionale, nonché tutte le attività accessorie.  Progettare, organizzare e pianificare percorsi di interventi riabilitativi, abilitativi atti a promuovere benessere psico-fisico, che possano facilitare la relazione e la comunicazione costruttiva, a favorire l’integrazione.  Progettare strutture sia […]